Libri in viaggio: tentativi di districarsi in un dilemma.

Ci risiamo, di nuovo alle prese con la scelta più difficile: qui si sta parlando di compagni di viaggio, non di crema solare.

Ora mi si può dire che hanno inventato il kindle, e uno nel dubbio ci butta dentro di tutto: vero, ma tanto per dirne una, come la mettiamo con la sabbia che si va a nascondere tra le pagine? Quella che a fine estate ti sorprende per casa col suo profumo di vacanza?

Quella non è compatibile col kindle.

Kindle scartato.

Quindi ci ho pensato, ho chiesto, un po’ mi ci sono torturata, ammetto, e alla fine sono rimasta con cinque titoli: magari non li leggerò neanche tutti (anche senza magari, va), ma non sono riuscita a fare di meglio.

Cent’anni di solitudine, Gabriel Garcia Marquez.
Suggestione del Sud America. Marquez vuol dire realismo magico, dove si intrecciano storia e leggenda: mica ti passa sempre sotto casa uno così!

Il vecchio e il mare, Ernest Hemingway.
Magia del Caribe e tenacia di un viso ruvido di tempo. Mettiamoci poi che a dire Hemingway si sente subito il profumo delle foglie di menta annegate in un Mojito, e diventa impossibile rinunciarci.

Bangkok, Lawrence Osborne.
L’Asia che mi attira; “Bangkok” è un ritratto che non cede al fascino dell’esotismo, è una badilata di vita vera: quella che ti fa decidere di partire e di andare a ficcarci dentro le mani.

Storia dell’assedio di Lisbona, José Saramago.
“Perché chi ha detto ‘no’ una volta, non tornerà mai più al ‘si’ di un menzognero compromesso.”
Servono altre spiegazioni? La scelta di una vita.

Il Vangelo secondo Biff, Cristopher Moore.
Perché me l’ha consigliato un carissimo amico, che mi ha fatto conoscere due delinquenti che ora adoro: Hap & Leonard .
Scelta di fiducia, quindi.

Ok, adesso parto davvero, volo domani: giusto qualche ora di tempo per decidere chi scomodare per primo!

2 pensieri riguardo “Libri in viaggio: tentativi di districarsi in un dilemma.”

  1. Ciao cara, io ho letto i primi due e che dire??? Lasciano il segno..soprattutto il primo nonostante la mole del libro l’ho divorato in pochi giorni e all’ultima pagina quasi ero dispiaciuta che fosse già finito..tante le emozioni che sa darti! Fammi sapere cosa ne pensi tu! Ciao buona giornata!!!! Qui neve ovunque :-(( ma sì suvvia :-)))

    Mi piace

    1. Ciao!
      A mio modo di vedere, i libri si possono dividere (passami il termine un po’ brutale) in due “filoni”: quelli che ti fanno staccare il cervello e quelli che ti danno qualche prurito; Marquez sicuramente fa prudere!!!
      Ed è uno dei miei scrittori preferiti, tant’è che sto per rileggere “L’amore ai tempi del colera”, quindi che dire, ti capisco benissimo e condivido!

      Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...