Artist @ work in Montmartre

Parigi in un giorno: c’est faisable!

Diciamolo subito: per vedere una città come Parigi non basterebbe una vita, ma noi ci si accontenta.

Ogni tanto mi prende quella voglia di gita fuori porta; ultimamente, quando mi capita, butto l’occhio su Skyscanner perchè c’è una cosa che mi piace tantissimo: si possono fare ricerche dal proprio aeroporto a “qualsiasi destinazione”. Fantastico, bisogna solo mettere una data e stare a vedere cosa ne esce.

Devo dire che sto giro mi è andata piuttosto bene, così ho prenotato i miei voli per Parigi e sono partita.

Sono atterrata verso le 8 del mattino a Beauvais, che non è l’aeroporto più comodo del mondo, si sa, ma i biglietti del transfer per il centro me li sono presi online da casa (qui il link), così ho evitato una coda, ed eccomi in Porte Maillot attorno alle 10.

La prima tappa è stata per quella parte di città che davvero adoro e chi non mi capisce: Montmartre; ho preso la metropolitana e mi sono presentata al mio appuntamento con la Butte con in tasca quell’emozione che ti porti appresso quando non vedi qualcuno da un po’ di tempo.

Parigi dalla Butte

Questa collina mi piace per la sua maniera irriverente di stare in città: le lancia uno sguardo dall’alto del suo snobismo tipico dell’artista alternativo, che pare quasi chiedersi che ci perde a fare del tempo in mezzo ai comuni mortali.

Sarà che per queste vie nell’Ottocento ci è passata la storia dell’arte e della letteratura.

Sarà che a concentrarsi pare di vedere Hemingway abbracciato alla sua Fée Verte sopra uno sgabello scalcinato, avvolto dal profumo della muffa.

Sarà che quando sei sotto al Sacre Coeur e guardi giù ti pare che tutta la città possa stare in un fazzoletto che ti metti in tasca così ti segue fino a casa.

Sarà la Place du Tertre gonfia di crayon che corrono sulla tela ruvida circondati da scorci da cartolina, sarà il profumo degli éclair che sfugge alla panetteria.

Artist @ work

Sarà tutto questo, come resisterle.

Salutato con una certa difficoltà quel piccolo angolo di un mondo che è sferico, sono tornata tra le vie che dall’alto parevano quasi disegnate, e dall’Arco di Trionfo ho camminato lungo gli Champs-Élysées mandando un saluto a l’Hôtel des Invalides sulla strada per Place de la Concorde, e dopo un giro attorno all’obelisco arrivato da Luxor (non per me, intendiamoci, già passava da ste parti) ho attraversato i cancelli dei Giardini delle Tuileries.

Tuileries

A questo punto saranno state all’incirca le due, e in effetti in momenti come questi, uno la fame inizia anche a sentirla, anche se a Montmartre non è riuscito a dire di no a qualche madeleine.

Ma il fatto è che quando mi prende il raptus fotografico riesco perfino a dimenticare la fame e garantisco che per come sono io l’impresa è ardua; mettiamoci poi quella specie di fissa che ho per rami e lampioni che in un parco si trovano anche facile, ed eccomi rialzare gli occhi giusto davanti alla piramide del Louvre, senza rendermi neanche conto della strada fatta.

Dopo però me ne sono resa conto eccome.

Credo di aver percorso lo spazio che mi separava da Notre-Dame in tempo quasi da record, se di record si può parlare quando sei alle prese con scatto compulsivo e scolaresche di bambini in preda a delirio fluviale “La Seine, la Seine!!!
Che casino, hai voglia a guadarli, forse è più abbordabile il fiume.

Arrivata finalmente alla cattedrale ho fatto un armistizio con lo stomaco offrendogli una crêpe salata in segno di pace: sono compromessi cui non si vorrebbe mai scendere, lo so, ma bisogna.

Mi sono quindi seduta sulla tribuna allestita per gli 850 anni della chiesa più famosa di Francia, proprio lì davanti alla facciata, che pareva di stare al Saint-Denis, e mi sono data per venti minuti buoni all’irrinunciabile human watching.

Ho preso quindi di mira con le mie foto l’alter ego femminile di Karl Lagerfeld che era-uguale-sembrava-proprio-lui-ma-donna, la guida turistica di uno sciame di pensionati preoccupati più che altro di non perdersi tra di loro, e una famiglia di asiatici, che si sa che io ci casco sempre.

Karl!!!

E poi mi sono infilata in metropolitana, perché se vai a Parigi uno sguardo alla torre si deve.

Le sono quindi passata accanto, l’ho guardata ancora una volta dal Trocadero e sono tornata a piedi verso l’Arco di Trionfo, che ormai era orario d’aperitivo e dopo tutto questo scarpinare un po’ d’ozio nella città del flâneur era anche giusto concederselo.

Eiffel Tower

Lo stesso vale per il mojito al mango scovato prima di ritornare in Porte Maillot, direzione Beauvais: il miglior arrivederci alla Ville Lumière che si apprestava ad accendere le sue luci.

Mangue Mojito

Mi prendo qualche riga per un paio di ringraziamenti speciali:

alla buona stella che mi ha fatto trovare dei voli a prezzo zero in orari fantastici;
al cielo, che era prevista pioggia, ma ha fatto la gentilezza di trattenerla per tutta la giornata;
a Parigi, che se riesco ci ritorno prima dell’estate;
a Ska, che mi ha accompagnata e si è fatto una bella scarpinata pure lui (oltre che centinaia di foto)!

20 pensieri riguardo “Parigi in un giorno: c’est faisable!”

  1. Leggendo l’articolo avevo gli occhi che mi brillavano! *-* Adoro Parigi e spero di tornarci il prima possibile, ma la tua idea di partire di punto in bianco e giusto per fare un giretto nella ville lumière mi ha ispirato!
    Anche io scrivo un blog di viaggi, e il tuo mi piace molto.
    à bientôt 🙂

    Angelica

    Mi piace

      1. Barcellona…stata due volte, ma ogni scusa è buona per tornare! Anche se tra tutte le città spagnole quelle che davvero mi sono rimaste addosso sono Siviglia e Bilbao 🙂

        Mi piace

    1. Vale sempre la pena, concordo!!
      Per i biglietti è facile, basta monitorare qualche motore di ricerca dei voli e prenotare negli orari giusti. Se vuoi ti mando qualche link di quelli che tengo d’occhio all’indirizzo mail che hai usato per il commento 🙂

      Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...